Firmata l’intesa Funzioni Centrali

E’ stata sottoscritta in data odierna l’intesa sull’ipotesi di CCNL 2019-2021 del Comparto Funzioni Centrali tra Aran e OO.SS. rappresentative.

I’ipotesi di contratto, che inizia ora l’iter per l’approvazione farà da riferimento per le successive trattative per gli altri Comparti. Il testo è visionabile sul sito dell’ARAN.

Il Presidente dell’Aran, Naddeo,in un’intervista a Il Messaggero di oggi, afferma che è prossima la partenza della trattativa per il Comparto Sanità, seguirà quella per il Comparto Enti Locali e in ultimo si tratterà quello della Scuola, Università e Ricerca, per cui manca ancora l’atto d’indirizzo.

Stigmatizziamo il ritardo per il comparto al quale apparteniamo, vista l’importanza cruciale del rilancio del settore della formazione e della ricerca per un rilancio stabile e proiettato al futuro del nostro Paese e sollecitiamo i Ministri competenti a definire con assoluta urgenza l’atto d’indirizzo per un contratto che si andrà a discutere ben oltre la sua scadenza.

Il Segretario Nazionale

Dr. Francesco Sorrentino 

C’è la preintesa su CCNL Funzioni Centrali

E’ stata sottoscritta oggi all’Aran la preintesa sul contratto in oggetto relativo al triennio in scadenza. La formula adottata è legata all’approvazione della legge di bilancio che prevede nuove risorse necessarie per l’accordo sul testo. 

L’ipotesi di CCNL sarà sottoscritta una volta approvata e promulgata la legge di bilancio.

Il testo è visionabile sul sito dell’Aran nel comunicato in data odierna.

Auspichiamo l’apertura della trattativa sul contratto Scuola, Università, Ricerca per il personale delle qualifiche e per l’Area dei dirigenti.

La Segreteria nazionale

Buon Natale

I nostri migliori auguri di Buon Natale a tutte le componenti della comunità universitaria.

L’augurio si estende all’anno nuovo in arrivo, sperando sia meno problematico, più inclusivo;  abbiamo vissuto e viviamo un tempo infatti  molto complicato il cui superamento dipende anche, anzi soprattutto da ognuno di noi.

Il nuovo anno ci porterà anche i nuovi contratti per il personale, pare,non male visto che il periodo al quale si riferiscono sarà trascorso da un pezzo! 

Comunque, siamo positivi e adoperiamoci per fare la nostra parte nel miglior modo possibile.

Auguri !

Il Segretario Nazionale

Dr. Francesco Sorrentino

Poche risorse aggiuntive per le Università nel d. l. di bilancio 22/24

Il Disegno di Legge di Bilancio per il triennio 2022/24 prevede l’incremento del FFO per gli Atenei nella misura di 0,25 miliardi nel 2022, 0,52 miliardi nel 2023, 0,77 miliardi nel 2024 e fino a 0,87 miliardi dal 2026.

Auspichiamo l’incremento di queste cifre nel corso del dibattito parlamentare, in corso al Senato, atti Senato 2448,stante la penalizzazione del settore universitario negli anni,e le criticità emerse negli ultimi 2 anni con la crisi pandemica in termini di spazi e di iscrizioni, che costringono studenti dei corsi per la laurea in medicina a frequentare solo a distanza.

Il Segretario nazionale

prof. dr. Francesco Sorrentino

Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha presentato ieri alla Camera dei Deputati e oggi al Senato il piano in oggetto suddiviso in Riforme e Investimenti.

A pagina 44 del documento troviamo tra le Riforme Orizzontali la Riforma della P.A.

I punti salienti sono illustrati fino a pagina 51.

Tra le 6 Missioni in cui è suddiviso il Piano di investimenti troviamo a pagina 178 la Missione 4 C1 : Potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione: dagli asili nido alle università con risorse dedicate per € 19,44 Mld.

I punti salienti sono illustrati fino a pagina 191.

Il PNRR è leggibile nella sezione Documenti.

Ci riserviamo un commento dopo un’ attenta analisi del Piano per gli aspetti di nostro interesse. Da subito ne condividiamo lo spirito proiettato al futuro del Paese, fondato sul capitale umano, con l’attenzione dovuta alle giovani generazioni, alle donne, all’ambiente, all’innovazione, alla tutela della salute.

Il Segretario Nazionale

25 Aprile 2021: 76° dalla Liberazione

Celebriamo la ricorrenza, memoria della rinascita dell’Italia dopo il ventennio fascista,con la speranza di una nuova rinascita dopo il disastro provocato dalla pandemia.

Ricordiamo quanti,tanti del mondo universitario, con il loro sacrificio resero possibile quella rinascita, frutto della resistenza ai tedeschi, tra questi i militari della Divisione Acqui che a prezzo della vita o dei soprusi indicibili sofferti nei lager difesero l’onore della divisa e della Patria.

Consigliamo agli studenti e alle studentesse di leggere la testimonianza di un reduce dai lager, Salvatore Porelli, impressa nel volume ” Il lungo ritorno da Cefalonia ” perchè ne facciano tesoro combattendo sempre civilmente per la pace e l’onore dell’Italia.

La Segreteria Nazionale

Nuovi fondi agli Atenei e nuove norme per i concorsi pubblici

Con l’art. 33 del D.L. n. 41/2021 ( Decreto Sostegni ) sono stati assegnati alle Università, alle Accademie e agli Enti di Ricerca ulteriori € 78,5 milioni per consentire la fruizione e la somministrazione della didattica a distanza e delle attività di ricerca nel perdurare della crisi pandemica.

Con l’art. 10 del D.L.n. 44/2021 sono state fissate le norme di semplificazione dell’espletamento dei concorsi pubblici da bandire e già banditi, per ridurre i tempi di svolgimento delle relative procedure e di assunzione dei vincitori, nonchè per renderne possibile l’espletamento in tempo di pandemia.

I due decreti sono in corso di esame da parte del Parlamento per la conversione in legge.

La Segreteria Nazionale

La Pasqua segni la ripresa dell’Italia

Una nuova Pasqua in rosso segna un periodo tremendo anche per il nostro Paese, ma fa sperare nella prossima fine dello stesso, grazie alla vaccinazione di massa, alle misure di contenimento e al senso di responsabilità della maggioranza dei cittadini.

Il profondo significato cristiano della Pasqua dà vigore alla speranza nostra e di tutti, che i sacrifici servano a farci uscire dalla paura, dalla sofferenza, dalla precarietà del vivere quotidiano.

Una vera unità d’intenti delle istituzioni locali e nazionali, in sintonia col sentire della gente è la strada per dare concretezza alla speranza.

Buona Pasqua a tutta la comunità universitaria che possa a breve riprendere il suo cammino in sicurezza e in presenza.

La Segreteria Nazionale

Il Patto per l’innovazione rinnoverà la P.A. ?

La firma del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale firmato lo scorso 10 marzo dal Presidente Draghi e dal Ministro Brunetta e dai Segretari di CGIL, CISL e UIL, fissa linee guida di azione e obiettivi condivisi e da tempo auspicati, collocando la P.A. al centro della possibile ripartenza dell’Italia sconvolta dalla pandemia.

L’approccio del Ministro Brunetta appare buono e la condivisione del Presidente Draghi è motivo di speranza che ai buoni propositi fissati nel Patto corrispondano fatti concreti.

I rinnovi contrattuali,la disciplina del lavoro agile,la revisione della classificazione del personale, la formazione e riqualificazione del personale, la partecipazione sindacale,il welfare, sono tutti argomenti decisivi per parlare di una nuova P.A. al servizio dei cittadini.

Aggiungiamo i temi del reclutamento, che avrà il suo battesimo di fuoco con l’annunciato bando per l’assunzione di qualche migliaio di tecnici nel Sud per supportare il piano europeo di ripresa nel giro di 3 mesi, e quello dei rapporti tra dirigenza e politica sul quale occorre una profonda riflessione.

Noi vigileremo passo passo l’attuazione degli impegni del Patto dai fatti e dagli atti che seguiranno.

 

La Segreteria nazionale

Finalmente una svolta!

L’incarico a Mario Draghi ha fatto svoltare la politica italiana apparentemente. Noi confidiamo che la svolta sia sostanziale.

Intanto ritornano valori trascurati in questi anni: la competenza innanzitutto, ma di conseguenza l’istruzione e la formazione, determinanti per lo sviluppo del capitale umano, alla base dei successi italiani in ogni campo anche a livello mondiale.

Quindi valutiamo molto bene le priorità date dal Presidente incaricato a scuola, lavoro, impresa con attenzione all’ambiente e ovviamente alla lotta alla pandemia e poi la necessità condivisa delle riforme della P.A., della giustizia, del fisco.

Sui contenuti attendiamo il programma.

La Segreteria