Any trouble displaying the page? Stampa  
ID AXON95
Author(s)Rachele Cera
Date2-1-2019
TitleLamina orfica da Ipponio
Abstract

La lamina di Ipponio (odierna Vibo Valentia) è stata rinvenuta nel 1969 all'interno di una necropoli situata nella parte bassa della città; viene datata tra V e IV a.C. Il supporto materiale dell'iscrizione è una lamina d'oro, la quale, al ritrovamento, si presentava ripiegata quattro volte, probabilmente per celare a occhi indiscreti il sacro testo contenuto al suo interno. Il documento presenta una scrittura progressiva destrorsa e si compone di sedici versi. Il contenuto della lamina si articola attorno al tema dell'iniziazione orfico-pitagorica, incentrata in questo caso sull'accompagnamento del defunto nel viaggio nell'oltretomba. La guida principale che si svela sin dal primo verso è la divinità femminile Mnemosine, madre delle Muse, la quale assume una funzione prettamente salvifica, poichè gli iniziati possono trovare la salvezza esclusivamente dissetandosi alla sua fonte. Il testo presenta una vera e propria geografia infera, atta a condurre il defunto iniziato alla liberazione dal ciclo delle reincarnazioni, condanna spettante a coloro che non abbiano partecipato all'iniziazione ai misteri.   

To see the commentary
follow the link

Edizioni Ca' Foscari

Object typeLamina; gold; 5,9 - 4,9 × 3,2 cm , Al ritrovamento la lamina era ripiegata per 4 volte e misurava 1,4 x 1,6. Riaperta, si ottennero dieci rettangoli di cui due incompleti. Complete. Lo stato di conservazione è buono, il foglio aureo presenta piccole lacune a sinistra e in basso, dove però non viene interessata l’iscrizione. Essa appartiene alla categoria delle iscrizioni sacrali e consta di 16 righe iscritte.
Chronology5th century (4th quarter) - 4th century BC (1st quarter).
Type of inscriptionOrphic tablet.
Findspot and circumstances
1969. Gli scavi condotti da Ermanno Arslan hanno portato alla luce undici tombe e relativi corredi.
Italy, Calabria, Hipponion (Vibo Valentia).

Preservation placeItaly, Vibo Valentia, Museo Archeologico Statale di Vibo Valentia.
Script
  • Structure: metric, esametri.
  • Layout: il foglio aureo è composto da 16 versi lineari che occupano tutto lo spazio disponibile, soprattutto in larghezza; la parte bassa della lamina presenta invece dello spazio libero.
  • Execution technique: engraved.
  • Alphabet (colour): red.
  • Local alphabet: Locrian apoikiai.
  • Special letters: alphaalpha; betabeta; deltadelta; epsilonepsilon; thetatheta; kappakappa; lambdalambda; mymy; nyny; rhorho; rhorho; sigmasigma.
  • Paleography: spaziatura e altezza delle lettere variabili.
  • Arrangement: left-to-right.
  • Language: >L1 μέλλῃσι: desinenza di terza persona singolare decisamente epica, definita 'dorismo epico'; L2 Ἀΐδαο: forma ionico-epica; L3 <h>εστακῦα: participio perfetto dorico; L5 τᾶς κράνας: dorismo; L6 τᾶς Μναμοσύνας ἀπὸ λίμνας: dorismo; L12 τῆς Μνημοσύνης ἀπὸ λίμ[νης]: forma ionica.
Lemma

Pugliese Carratelli, Foti 1974, 108-126; fig. 19 a-b; Lloyd-Jones 1975, 225-226; West 1975, 229-236; Merkelbach 1975, 8-9; Marcovich 1976, 221-224; Zuntz 1976, 129-151; Burkert 1977, 1-8 [Guarducci 1985, 113, 385-397; Iacobacci 1993, 249-264]; Gallavotti 1979, 337-359 [Musti 1984, 61-83]; Lazzarini 1987, 329-332; Tsantsanoglou, Parassoglou 1987, 3-16; Giangrande 1993, 235-248; Pugliese Carratelli 2011, 39-44; tav. 1.

Text 

Μναμοσύνας τόδε <h>ιερόν· ἐπεὶ ἂμ μέλληισι θανεῖσθαι

εἶς Ἀΐδαο δόμους εὐήρεας· ἔστ᾽ ἐπὶ δεξιὰ κρήνα,

πὰρ δ᾽αὐτὰν <h>εστακῦα λευκὰ κυπάρισσος·

ἔνθα κατερχόμεναι ψυ<χ>αὶ νεκύων ψύχονται

5

ταύτας τᾶς κράνας μηδὲ σχεδòν ἐνγύθεν ἔλθηις

πρόσθεν δὲ hευρήσεις τᾶς Μναμοσύνας ἀπò λίμνας

ψυχρòν <h>ύδωρ προρέον· φύλακες δὲ ἐπύπερθεν ἔασι,

τοὶ δέ σε εἰρήσονται ἐν<ὶ> φρασὶ πευκαλίμαισι

ὅττι δὲ ἐξερέεις Ἄϊδος σκότος ὀρφ<ν>ήεντος

10

εἶπον· “<hυ>òς Βαρέας καὶ Οὐρανοῦ ἀστερόεντος,

δίψαι δ᾽ εἰμ᾽ αὖος καὶ ἀπόλλυμαι· ἀλλὰ δότ᾽ ὦ[κα]

ψυχρòν <h>ύδωρ πιέναι τῆς Μνημοσύνης ἀπò λίμ[νης]”

καὶ δὴ τοὶ ἐλεοῦσιν <h>υπò χθονίωι βασιλῆι,

καὶ δή τοι δώσουσι πιὲν τᾶς Μναμοσύνας ἀπò λίμνας

15

καὶ δὴ καὶ σὺ πιὼν hοδòν ἔρχεα<ι> hάν τε καὶ ἄλλοι

μύσται καὶ βάχχοι hιερὰν στείχουσι κλεινοί.

Apparatus

εὐερέας Merkelbach || 1 ἠρίον ed. pr., Giangrande; θρῖον West; δῶρον Lloyd-Jones; σρῖον Marcovich; ἔρ<γ>ον Burkert, Guarducci, Iacobacci; εἴριον Gallavotti, Musti || 2 εἶσ' Zuntz; εἰς Guarducci | εὐρήσεις Lloyd-Jones | δεξιά Ξ sembra sovrapposto ad un Ε; alla fine di questa linea, dopo un breve spazio, si leggono i segni di Τ e Ṇ e sotto di questi, alla fine del verso seguente, compaiono i segni Ạ e Ο. || 4 ψυχαὶ inizialmente lo scriba deve aver inciso ΨΧ, poi ha corretto Χ con Υ, ed ha inciso ΚΑΙ al posto di ΧΑΙ; fra Υ e Κ si scorge un piccolo Χ || 9 οὐλοέεντος Merkelbach, Marcovich, Guarducci, Lazzarini, Giangrande || 10 Γαίας Zuntz; Γᾶς εἰμι Guarducci, Lazzarini | Βαρέας dopo questa parola si nota uno spazio vuoto corrispondente ad una lettera || 12 π[ρο]ρέον ed. pr.; π[ροσ]τῆναι Gallavotti; πιν αὐτῆς Guarducci, Lazzarini, fra Π e ΙΕΝ si nota uno spazio corrispondente a due lettere || 13 τελέουσι West, Tsantsanoglou-Parassoglou ; ἐρέουσιν Lazzarini || 14 λίμνας le ultime tre lettere della parola sono iscritte lungo il margine destro della laminetta.

Translation
Questo è il sacro (dettato) di Mnemosine: (per l’iniziato), dopo che abbia iniziato a morire. Andrai alle case di Ade ben costruite: sulla destra vi è una fonte, di fianco ad essa un bianco cipresso si erge; lì discendono le anime dei morti per avere refrigerio. Non avvicinarti assolutamente a questa fonte; ma troverai più avanti la fredda acqua che scorre dal lago di Mnemosine: al di sopra vi sono i custodi, i quali ti chiederanno, con mente accorta, perché ti accingi ad indagare la tenebra dell’Ade caliginoso. Di’: “(Sono) figlio della Terra e del Cielo stellato; di sete son arso e vengo meno: ma datemi da bere la fresca acqua (che viene) dal lago di Mnemosine”. Ed essi sono misericordiosi per volere del re degli Inferi, e ti daranno da bere (l’acqua) dal lago di Mnemosine; e anche tu, dopo aver bevuto, percorrerai la sacra via sulla quale anche gli altri iniziati e bacchoi procedono gloriosi.
Bibliography

Guarducci, Epigrafia greca IV = Guarducci, M. (1978). Epigrafia Greca IV. Epigrafi sacre pagane e cristiane. Roma.

Guarducci, Epigrafia greca IV = Guarducci, M. (1978). Epigrafia Greca IV. Epigrafi sacre pagane e cristiane. Roma.

Guarducci, Epigrafia greca² = Guarducci, M. (1987). L'epigrafia greca dalle origini al tardo impero. Roma (ristampa 2005).

Guarducci, Epigrafia greca² = Guarducci, M. (1987). L'epigrafia greca dalle origini al tardo impero. Roma (ristampa 2005).

Burkert, W. (a cura di) (1977). Orphism and Bacchic Mysteries: New Evidence and Old Poblems. Colloquy 28. . Berkeley.

Burkert, W. (a cura di) (1977). Orphism and Bacchic Mysteries: New Evidence and Old Poblems. Colloquy 28. . Berkeley.

Gallavotti, C. (1979). «Il documento orfico di Hipponion e altri testi affini». MCr, 13-14, 337-359.

Gallavotti, C. (1979). «Il documento orfico di Hipponion e altri testi affini». MCr, 13-14, 337-359.

Giangrande, G. (1993). «La lamina orfica di Hipponion». Orfeo e L'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 235-248.

Giangrande, G. (1993). «La lamina orfica di Hipponion». Orfeo e L'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 235-248.

Guarducci, M. (1972). «Il cipresso dell'oltretomba». RFC, 100, 322-327.

Guarducci, M. (1972). «Il cipresso dell'oltretomba». RFC, 100, 322-327.

Guarducci, M. (1975). «Laminette auree orfiche: alcuni problemi». Epigraphica, 37, 19-24.

Guarducci, M. (1975). «Laminette auree orfiche: alcuni problemi». Epigraphica, 37, 19-24.

Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.

Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.

Iacobacci, G. (1993). «La laminetta aurea di Hipponion: osservazioni dialettologiche». Orfeo e l'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 249-264.

Iacobacci, G. (1993). «La laminetta aurea di Hipponion: osservazioni dialettologiche». Orfeo e l'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 249-264.

Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.

Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.

Lloyd-Jones, H. (1975). «On the Orphic Tablet from Hipponion». PP, 30, 225-226.

Lloyd-Jones, H. (1975). «On the Orphic Tablet from Hipponion». PP, 30, 225-226.

Marcovich, M. (1976). «The gold leaf from Hipponion». ZPE, 23, 221-224.

Marcovich, M. (1976). «The gold leaf from Hipponion». ZPE, 23, 221-224.

Merkelbach, R. (1975). «Backhisches Goldtäfelchen aus Hipponion». ZPE, 17, 8-9.

Merkelbach, R. (1975). «Backhisches Goldtäfelchen aus Hipponion». ZPE, 17, 8-9.

Musti, D. (1984). «Le lamine orfiche e la religiosità d'area locrese». QUCC, 45, 61-83.

Musti, D. (1984). «Le lamine orfiche e la religiosità d'area locrese». QUCC, 45, 61-83.

Prontera, F. (1978). «Sulla laminetta di Hipponion». PP, 33, 48-58.

Prontera, F. (1978). «Sulla laminetta di Hipponion». PP, 33, 48-58.

Pugliese Carratelli, G. (1976). «Ancora sulla lamina orfica di Hipponion». PP, 31, 458-466.

Pugliese Carratelli, G. (1976). «Ancora sulla lamina orfica di Hipponion». PP, 31, 458-466.

Pugliese Carratelli, G. (a cura di) (2011). Le lamine d'oro orfiche. Istruzioni per il viaggio oltremondano degli inizaiti greci. Milano Prima edizione novembre 2001.

Pugliese Carratelli, G. (a cura di) (2011). Le lamine d'oro orfiche. Istruzioni per il viaggio oltremondano degli inizaiti greci. Milano Prima edizione novembre 2001.

Pugliese Carratelli, G.; Foti , G. (1974). «Un sepolcro di Hipponion e un nuovo testo orfico». PP, 29, 91-107; 108-144.

Pugliese Carratelli, G.; Foti , G. (1974). «Un sepolcro di Hipponion e un nuovo testo orfico». PP, 29, 91-107; 108-144.

Tsantsanoglou, K.; Parassoglou , G.M. (1987). «Two Gold Lamellae from Thessaly». Hellenica, 38, 3-16.

Tsantsanoglou, K.; Parassoglou , G.M. (1987). «Two Gold Lamellae from Thessaly». Hellenica, 38, 3-16.

West, M. L. (1975). «Zum neuen Goldblättchen aus Hipponion». ZPE, 18, 229-236.

West, M. L. (1975). «Zum neuen Goldblättchen aus Hipponion». ZPE, 18, 229-236.

Zuntz, G. (a cura di) (1971). Persephone. Oxford.

Zuntz, G. (a cura di) (1971). Persephone. Oxford.

Zuntz, G. (1976). «Die Goldlamelle von Hipponion». WS, 10, 129-151.

Zuntz, G. (1976). «Die Goldlamelle von Hipponion». WS, 10, 129-151.
Merkelbach, R. (1975). «Backhisches Goldtäfelchen aus Hipponion». ZPE, 17, 8-9.
Giangrande, G. (1993). «La lamina orfica di Hipponion». Orfeo e L'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 235-248.
West, M. L. (1975). «Zum neuen Goldblättchen aus Hipponion». ZPE, 18, 229-236.
Lloyd-Jones, H. (1975). «On the Orphic Tablet from Hipponion». PP, 30, 225-226.
Marcovich, M. (1976). «The gold leaf from Hipponion». ZPE, 23, 221-224.
Burkert, W. (a cura di) (1977). Orphism and Bacchic Mysteries: New Evidence and Old Poblems. Colloquy 28. . Berkeley.
Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.
Iacobacci, G. (1993). «La laminetta aurea di Hipponion: osservazioni dialettologiche». Orfeo e l'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 249-264.
Gallavotti, C. (1979). «Il documento orfico di Hipponion e altri testi affini». MCr, 13-14, 337-359.
Musti, D. (1984). «Le lamine orfiche e la religiosità d'area locrese». QUCC, 45, 61-83.
Zuntz, G. (1976). «Die Goldlamelle von Hipponion». WS, 10, 129-151.
Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.
Lloyd-Jones, H. (1975). «On the Orphic Tablet from Hipponion». PP, 30, 225-226.
Merkelbach, R. (1975). «Backhisches Goldtäfelchen aus Hipponion». ZPE, 17, 8-9.
Marcovich, M. (1976). «The gold leaf from Hipponion». ZPE, 23, 221-224.
Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.
Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.
Giangrande, G. (1993). «La lamina orfica di Hipponion». Orfeo e L'orfismo. Atti del Seminario Nazionale (Roma-Perugia 1985-1991). Roma, 235-248.
Zuntz, G. (1976). «Die Goldlamelle von Hipponion». WS, 10, 129-151.
Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.
Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.
Gallavotti, C. (1979). «Il documento orfico di Hipponion e altri testi affini». MCr, 13-14, 337-359.
Guarducci, M. (1985). «Nuove riflessioni sulla laminetta "orfica" di Hipponion». RFC, 113, 385-397.
Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.
West, M. L. (1975). «Zum neuen Goldblättchen aus Hipponion». ZPE, 18, 229-236.
Tsantsanoglou, K.; Parassoglou , G.M. (1987). «Two Gold Lamellae from Thessaly». Hellenica, 38, 3-16.
Lazzarini, M.L. (1987). «Sulla laminetta di Hipponion». ASNP, 17, 329-332.
x

Some browsers (in particular Chrome and very recent versions of Firefox) do not correctly display some Greek letters (mostly archaic). The letters that may present this problem are shown in the table below. You can immediately check if your browser displays the characters correctly:

if you see an icon instead of a letter on the second line we suggest the following options:

  • you can use a browser that does not present the problem (e.g. IExplorer 11 or later for Windows; Safari for Mac);
  • you can install David Perry’s Cardo font on your computer by following these steps:
    • download the Cardo font from here;
    • install it on your computer;
    • check the box below.