Any trouble displaying the page? Stampa  
ID AXON108
Author(s)Alessia Dimartino
Date1-2-2019
TitleIscrizioni del teatro di Taormina
Abstract

Cinque blocchi squadrati iscritti, un tempo reimpiegati nella fase romana del teatro di Taormina, sono oggi custoditi all’interno della parodos occidentale dell’edificio. Ciascun blocco reca il genitivo di un nome, in almeno in due casi seguito da un numerale.
Iscrizioni tipologicamente affini sono presenti in tutto il mondo greco e avevano lo scopo di  riservare i posti a categorie di gruppi di cittadini, ripartizioni civiche o associazioni di vario genere. I nomi dei gruppi sono qualche volta al nominativo, quasi sempre al genitivo seguito da sigle (abbreviazioni o monogrammi), proprio come nei due blocchi del teatro di Tauromenio. In questi casi si tratta di sigle composte da una lettera indicante la fila e da un’altra relativa al numero corrispondente al posto a sedere. Lo schema sembra essere il seguente: il genitivo individua il settore riservato a un gruppo, la prima lettera rinvia alla fila di posti e il numerale indica il sedile.
Riguardo alla posizione originaria dei blocchi, a un primo sguardo la natura delle iscrizioni farebbe pensare che essi contrassegnassero la proedria del teatro, o più genericamente le file più vicine all’orchestra, secondo un uso diffuso in tutto il mondo greco, garantendo ai soggetti privilegiati posti d’onore dai quali era assicurata la migliore visuale. Va sottolineato a tale proposito che i blocchi non sono lavorati nella parte superiore, eccezion fatta per una piccola risega all’attacco con la faccia anteriore, che incornicia superiormente lo spazio iscritto. Tale tipologia sembra trovare riscontro in alcuni teatri del mondo greco: blocchi di simile natura erano concepiti come elementi della gradinata destinati a essere inseriti in terrapieni; ciò spiegherebbe bene perché le pietre non furono lavorate posteriormente e superiormente.
 Riguardo alla datazione delle iscrizioni, è opinione comune che queste risalgano al primo impianto di cui però non abbiamo informazioni né dalle evidenze archeologiche, né dalle fonti letterarie. Gli studiosi hanno fino a oggi associato il teatro di Taormina e le sue iscrizioni con l’edificio teatrale di Siracusa; tale accostamento sarebbe supportato anche da una suggestione che ha indotto a vedere una somiglianza paleografica con i documenti siracusani e a leggere sul secondo blocco il nome della regina Filisitide, moglie di Ierone II. Si è quindi proposto di associare i cinque blocchi iscritti alla prima fase del monumento teatrale e, conseguentemente, di datare l’impianto e le iscrizioni all’età ieroniana. Cronologia ripetuta piuttosto stancamente fino a oggi, sebbene le epigrafi di Taormina, più che accostarsi alle iscrizioni di età ieroniana, dalle quali anzi si differenziano per la mancanza di apicature e per l’omogeneità di dimensioni delle lettere tonde rispetto alle altre, si inseriscono bene nel quadro paleografico del II sec. a.C. 

To see the commentary
follow the link

Edizioni Ca' Foscari

Object typeBlocks, di proedria; limestone; A: 105,4x31x31; B: 98x31x25; C: 142x31x31; D: 108,5x31x38; E: 101,86x31x31. Blocchi lapidei, affini per lavorazione e per dimensioni, lisciati anteriormente, inferiormente e lateralmente; i rimanenti due lati non sono lavorati.
Chronology2nd century BC.
Type of inscription
Findspot and circumstances
Italy, Sicilia Ins., Tauromenium (Taormina), blocchi pertinenti al teatro greco, un tempo reimpiegati nella fase romana dell'edificio.
Preservation placeItaly, Taormina, in situ.
Script
  • Structure: prose.
  • Execution technique: engraved.
  • Special letters: 
    • Testo d: omicronomicron di grandi dimensioni.
  • Letter size: 
    • Testo a: 11,7.
    • Testo b: 10-12,5.
    • Testo c: 13,8.
    • Testo d: 12,8-23.
    • Testo e: 11,7-20.
  • Paleography: 
    • Testo a, b: Si noti la mancanza di apicature.
    • Testo d, e: Si notino la mancanza di apicature e l’omogeneità di dimensioni delle lettere tonde rispetto alle altre (omicron).
  • Arrangement: left-to-right.
  • Language: 
    • Testo a: >ἱερεῖα[ν] = ἱερεῖω[ν].
    • Testo b: >ἱερε[ῖ]αν = ἱερε[ῖ]ων.
Lemma

Vidi.

De Spuches 1864, 13 [Petersen 1888, 234-236]; IG XIV 437; Mitens 1988, 20; Dimartino 2009, 721-726 [Dimartino 2015 c.d.s.].

Text 
Text a:

ἱερεῖα[ν]

Text b:

ἱερε[ῖ]αν

Text c:

[---] Δ

Text d:

Φιλιστοῦς ΔΒ

Text e:

Φιλιστοῦς ΔΙ

Apparatus

Testo a:

1 ΙΕΡΙΑ ed. pr.; ΙΕΡΕΙΑΝ Kaibel.

Testo b:

1 ΙΕΡΙΑΝ ed. pr.; ΙΕΡΕΙΑΝ Kaibel.

Testo d:

1 ΦΙΛΙΣΤΟΥ ed. pr.; Φιλιστοῦς ΛΒ Mitens.

Translation
Text a:
delle Hiereiai
Text b:
delle Hiereiai
Text c:
[---]
Text d:
di Filistò ΔΒ
Text e:
di Filistò ΔΙ
Bibliography

IG XIV = Kaibel, G. (a cura di) (1890). Inscriptiones Graecae, XIV. Inscriptiones Siciliae et Italiae, additis Galliae, Hispaniae, Britanniae, Germaniae inscriptionibus. Berlin.

IG XIV = Kaibel, G. (a cura di) (1890). Inscriptiones Graecae, XIV. Inscriptiones Siciliae et Italiae, additis Galliae, Hispaniae, Britanniae, Germaniae inscriptionibus. Berlin.

LGPN III.A = Fraser, P.M.; Matthews, E. (1997). A Lexicon of Greek Personal Names. Vol. 3 part A. The Peloponnese, Western Greece, Sicily and Magna Graecia. Oxford.

LGPN III.A = Fraser, P.M.; Matthews, E. (1997). A Lexicon of Greek Personal Names. Vol. 3 part A. The Peloponnese, Western Greece, Sicily and Magna Graecia. Oxford.

Campagna, L. (2006). «L’architettura di età ellenistica in Sicilia: per una rilettura del quadro generale». Osanna, M.; Torelli, M. (a cura di), Sicilia ellenistica, consuetudo italica. Alle origini dell’architettura ellenistica d’Occidente, Atti del Convegno di Spoleto 2004. Roma, 15-34.

Campagna, L. (2006). «L’architettura di età ellenistica in Sicilia: per una rilettura del quadro generale». Osanna, M.; Torelli, M. (a cura di), Sicilia ellenistica, consuetudo italica. Alle origini dell’architettura ellenistica d’Occidente, Atti del Convegno di Spoleto 2004. Roma, 15-34.

De Spuches, G. (1864). «Illustrazione d’alcune epigrafi e d’altri oggetti archeologici». BCASicilia, 1, 12-27.

De Spuches, G. (1864). «Illustrazione d’alcune epigrafi e d’altri oggetti archeologici». BCASicilia, 1, 12-27.

Dimartino, A. (2006). «Per una revisione dei documenti epigrafici siracusani pertinenti al regno di Ierone II». Michelini, C. (a cura di), Guerra e pace in Sicilia e nel Mediterraneo antico (VIII-III sec. a.C.): arti, prassi e teoria della pace e della guerra. Quinte Giornate Internazionali di Studi sull’area elima e la Sicilia occidentale, Erice 12-15 ottobre 2003. Pisa, 703-17.

Dimartino, A. (2006). «Per una revisione dei documenti epigrafici siracusani pertinenti al regno di Ierone II». Michelini, C. (a cura di), Guerra e pace in Sicilia e nel Mediterraneo antico (VIII-III sec. a.C.): arti, prassi e teoria della pace e della guerra. Quinte Giornate Internazionali di Studi sull’area elima e la Sicilia occidentale, Erice 12-15 ottobre 2003. Pisa, 703-17.

Dimartino, A. (2009). «Ierone II, Filistide e il teatro di Taormina. Note in margine a IG XIV, 437». Vaggioli, M.A. (a cura di), Immagine e immagini della Sicilia e di altre isole del Mediterraneo antico, Atti delle seste giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contesto mediterraneo, Erice, 12-16 ottobre 2006. Pisa, 721-726.

Dimartino, A. (2009). «Ierone II, Filistide e il teatro di Taormina. Note in margine a IG XIV, 437». Vaggioli, M.A. (a cura di), Immagine e immagini della Sicilia e di altre isole del Mediterraneo antico, Atti delle seste giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contesto mediterraneo, Erice, 12-16 ottobre 2006. Pisa, 721-726.

Dimartino, A. (2015 c.d.s.). «Politica, religione, società. Le iscrizioni teatrali di Sicilia». Atti GiMed 2011. Messina.

Dimartino, A. (2015 c.d.s.). «Politica, religione, società. Le iscrizioni teatrali di Sicilia». Atti GiMed 2011. Messina.

Isler, H. P. (1994). «Tauromenio. Teatro». Ciancio Rossetto, P. (a cura di), Teatri greci e romani. Alle origini del linguaggio rappresentato; III. Roma, 51.

Isler, H. P. (1994). «Tauromenio. Teatro». Ciancio Rossetto, P. (a cura di), Teatri greci e romani. Alle origini del linguaggio rappresentato; III. Roma, 51.

Libertini, G. (1930). «Il teatro di Taormina». Dioniso, 3, 111-121.

Libertini, G. (1930). «Il teatro di Taormina». Dioniso, 3, 111-121.

Mitens, K. (a cura di) (1988). Teatri greci e teatri ispirati all’architettura greca in Sicilia e nell’Italia meridionale c. 350-50 a.C. Roma.

Mitens, K. (a cura di) (1988). Teatri greci e teatri ispirati all’architettura greca in Sicilia e nell’Italia meridionale c. 350-50 a.C. Roma.

Petersen, E. (1888). «Das Theater von Tauromenion». MDAI(R), 3, 234-236.

Petersen, E. (1888). «Das Theater von Tauromenion». MDAI(R), 3, 234-236.

Pugliese Carratelli, G. (1962). «Nuove iscrizioni di Iasos». ASAA, 23-24, 573-632.

Pugliese Carratelli, G. (1962). «Nuove iscrizioni di Iasos». ASAA, 23-24, 573-632.

Robert, L. (1963). «Nouvelles inscriptions d’Iasos». REA, 65, 298-329.

Robert, L. (1963). «Nouvelles inscriptions d’Iasos». REA, 65, 298-329.

Ruggirello, V.L. (2006). «Regole progettuali di alcuni edifici teatrali in Sicilia». Dioniso (N. S.), 5, 284-297.

Ruggirello, V.L. (2006). «Regole progettuali di alcuni edifici teatrali in Sicilia». Dioniso (N. S.), 5, 284-297.

Sear, F. (1996). «The Theatre at Taormine: A New Chronology». PBSR, 64, 41-79.

Sear, F. (1996). «The Theatre at Taormine: A New Chronology». PBSR, 64, 41-79.

Wiegand, T. (a cura di) (1958). Didyma II. Die Inschriften. Berlin.

Wiegand, T. (a cura di) (1958). Didyma II. Die Inschriften. Berlin.
Mitens, K. (a cura di) (1988). Teatri greci e teatri ispirati all’architettura greca in Sicilia e nell’Italia meridionale c. 350-50 a.C. Roma.
Figures
Veduta frontale del blocco A (f.d'A.)
Veduta frontale del blocco B (f.d'A.)
Veduta frontale del blocco C (f.d'A.)
Veduta frontale del blocco D (f.d'A.).
Veduta frontale del blocco E (f.d'A.).
x

Some browsers (in particular Chrome and very recent versions of Firefox) do not correctly display some Greek letters (mostly archaic). The letters that may present this problem are shown in the table below. You can immediately check if your browser displays the characters correctly:

if you see an icon instead of a letter on the second line we suggest the following options:

  • you can use a browser that does not present the problem (e.g. IExplorer 11 or later for Windows; Safari for Mac);
  • you can install David Perry’s Cardo font on your computer by following these steps:
    • download the Cardo font from here;
    • install it on your computer;
    • check the box below.